Carciofi

Oltre che ingrediente per saporite pietanze, viene da sempre considerato rimedio tradizionale a effetto diuretico, depurativo e epatoprotettore. Il carciofo è un antico, prezioso, prodotto della natura, che si mangiava comunemente sin dal tempo degli Egizi. Ortaggio tipico delle aree del Mediterraneo, pianta della famiglia delle composte (Cynara scolymus), come attestano gli scritti di alcuni autori antichi (De Rustica di Columella e Naturalis Historia di Plinio), continuò a essere apprezzato all'epoca dei Romani. Notizie più certe sulla sua coltivazione in Italia risalgono al XV secolo, quando dalla zona di Napoli, dove era stata introdotto da Filippo Strozzi, la coltura del carciofo si diffuse prima in Toscana, Caterina dei Medici ne fu una grande consumatrice, e successivamente in molte altre regioni. Mammole romane, violetti di Toscana, spinosi di Liguria sono le varietà più diffuse, fra marzo e aprile i carciofi sono in piena produzione, un invito a gustarli in tutti i modi.
http://www.lapelle.it/alimentazione/carciofo.htm


Carciofi spinosi
COME PULIRE I CARCIOFI CON LE SPINE:
Pulire i carciofi, al contrario di quello che si può pensare, è una preparazione piuttosto semplice anche se richiede un po’ di tempo e pazienza.
Di seguito vediamo come si puliscono i carciofi con le spine, ideali per essere preparati fritti, trifolati o, più semplicemente, bolliti e serviti con una vinaigrette
1- Il carciofo contiene delle sostanze che si attaccano alla pelle e a contatto con l’aria ossidano: quindi quando andrete a pulire i carciofi strofinate le mani con del limone oppure indossate dei guanti per evitare che diventino nere.
2- Quando il carciofo viene tagliato, tende a diventare subito scuro, in quanto a contatto con l’aria ossida molto velocemente. Per evitare tutto ciò, preparate una ciotola capiente contenente dell’acqua e del limone tagliato a spicchi, dove andrete ad immergere i carciofi appena li avrete tagliati.
3- Iniziate adesso a pulire i vostri carciofi: con un coltello tagliate il gambo del carciofo alla base e tenetelo da parte.
4- Eliminate, sempre con l'aiuto di un coltello, le foglie più esterne e dure.
5- Quando avrete raggiunto le foglie più chiare e tenere ( il cuore del carciofo), con un coltello eliminate le spine, tagliandole a circa 2/3 dell'altezza.
6- Eliminate, sempre con un coltello, eventuali foglie che sono rimaste attaccate alla base del carciofo.
- ed ecco il carciofo completamento pulito dalle foglie esterne dure e dalle punte.
7- Tenendo il carciofo appoggiato sul tagliere tagliatelo a metà nel senso della lunghezza.
8- Con l’aiuto di uno scavino eliminate la peluria interna. Questa operazione può essere fatta anche utilizzando la punta di un coltellino o di un pelapatate. Volendo, potete eliminare la barba del carciofo anche dopo aver fatto bollire il cuore del carciofo intero.
9- Tagliate quindi i carciofi: prendete ogni metà e tagliatela in due parti
10- Oppure potete tagliare il carciofo in fettine più sottili, tagliando ogni carciofo in 8 parti uguali.
11- Appena avrete tagliato i carciofi come meglio desiderate, immergeteli immediatamente nell’acqua acidulata .
12- Pulite i gambi eliminando lo strato più esterno e coriaceo.
Tagliate i gambi della lunghezza desiderata e immergete anch'essi nell’acqua acidulata fino a che non avrete terminato il taglio di tutti i carciofi e potrete quindi porcedere alla cottura degli stessi.
http://www.giallozafferano.it/Scuola-di-Cucina/Pulizia-e-taglio-del-carciofo


RICETTE:

Carciofi trifolati
I carciofi trifolati rappresentano una ricetta classica, appetitosa e assolutamente semplice nella preparazione: l’unico neo sta nella pulizia dei carciofi stessi, che non è difficile, ma scomoda e noiosa.
Molto saporita come preparazione, i carciofi trifolati, si prestano ad essere un gustoso accompagnamento di piatti di carne o di pesce, oppure, per i vegetariani, può essere un piatto unico e sostanzioso, anche grazie alle proprietà nutritive dei carciofi stessi, ricchi di ferro.
Difficoltà:Bassa
Cottura:20 min
Preparazione:15 min
Dosi per:4 persone
Ingredienti
Carciofi 8
Aglio 2 spicchi
Olio extravergine di oliva 5 cucchiai
Prezzemolo tritato 3 cucchiai
Brodo vegetale q.b.
Sale q.b.
Pepe nero macinato al momento a piacere
Preparazione
La prima cosa che dovete fare quando vi state apprestando a maneggiare i carciofi è quella di proteggere le mani con dei guanti per evitare che diventino nere o di strofinarle bene con del succo di limone; tenete mezzo limone a portata di mano, e ogni tanto strofinatevi le mani: vi aiuterà a salvaguardarle! Pulite quindi i carciofi e metteteli mano a mano in un contenitore con dell’acqua acidulata (addizionata con del succo di limone), evitando che diventino neri. In un tegame schiacciate 2 spicchi d’aglio, fateli rosolare leggermente nell’olio, aggiungete i carciofi a spicchi e i gambi ben scolati e fateli saltare qualche istante.
Unite del prezzemolo tritato, tenendone da parte una manciata (che userete per cosparge i carciofi trifolati al termine della cottura); Preparate anche del brodo vegetale con il quale andrete a bagnare i carciofi ogni qualvolta si asciughino troppo, quindi pepate e salate secondo i vostri gusti.La cottura dovrà prolungarsi per circa 15/20 minuti a seconda delle dimensioni dei carciofi; potrete sapere quando è il momento di spegnere il fuoco, punzecchiando con una forchetta un gambo che deve risultare tenero ma non deve spappolarsi. Servite i carciofi trifolati appena pronti! .
http://ricette.giallozafferano.it/Carciofi-trifolati.html


Risotto alla crema di carciofi e pancetta croccante
Difficoltà:
Bassa
Cottura:50 min
Preparazione:30 min
Dosi per:4 persone
Il risotto alla crema di carciofi e pancetta croccante è un primo piatto raffinato e saporito.
Una morbida crema di carciofi avvolge saporiti pezzetti di pancetta, dorata in padella insieme alla cipolla prima di aggiungere il riso.
Per sfumare il piatto si usa l'amaro, che dona alla ricetta un sapore ancora più amabile e morbido. Potrete usare della pancetta dolce o affumicata, meglio se stesa che passerete in padella per esaltarne la croccantezza. A vostro piacimento potrete scegliere la qualità di carciofo che preferite anche in base alla stagionalità: quello spinoso, quello romanesco o quello violetto.
Oltre ad avvolgere il riso in una morbida crema, alcune fettine di carciofi vengono tostate in padella per dare ancora più corposità e gusto al questo saporito risotto alla crema di carciofi e pancetta croccante!
Ingredienti
Riso carnaroli 320 gr
Burro 20 gr
Carciofi 450 gr
Brodo vegetale 1lt
Aglio 1 spicchio
Cipolle 1
Pancetta a striscioline 90 gr
Sale q.b
Pepe q.b
Olio di oliva extravergine q.b
Parmigiano Reggiano 30 gr
Amaro Limoncè 30 gr
Preparazione: Per preparare il risotto alla crema di carciofi e pancetta croccante, iniziate dai carciofi. Prima di iniziare a pulirlli, versate in una ciotola capiente dell'acqua fresca, spremete il succo di mezzo limone e dopo averlo spremuto immergetelo: l'acqua e limone servirà per conservare i carciofi tagliati prima di impiegarli nella ricetta, perchè non anneriscano. Quindi strofinatevi le mani con del limone per evitare che si anneriscano durante la pulizia. Per pulire e tagliare i carciofi potete consultare la Scuola di cucina (vedi sopra): come pulire i carciofi. Quindi iniziate a staccare con le mani le foglioline dei gambi, poi con un coltello eliminate le punte, tagliandone circa 2-3 cm: questa parte oltre ad avere le spine è quella più dura e andrà eliminat
anche nei carciofi senza spine. Procedete sfogliando il carciofo, eliminando le foglie più esterne, quelle più dure; andate avanti fino a quando non vedrete spuntare un colore chiaro alla base delle foglie interne, quelle più tenere. Con un coltellino o un pelaverdure togliete la parte esterna del gambo, quella fibrosa. Quindi, tagliate il carciofo a metà. Rimuovete anche la peluria interna, la "barba del carciofo", incidendo da destra verso sinistra lungo tutta la parte inferiore del carciofo. Ora potete tagliare il carciofo a fettine sottili. Quindi trasferite le fettine di carciofo nella ciotola con l'acqua e limone precedentemente preparata. Intanto togliete lo strato più esterno della cipolla, tagliatene metà e riducetela a fettine. In una padella capiente versate un filo d'olio, mettete a soffriggere uno spicchio d'aglio e quando sarà rosolato toglietelo e aggiungete le fettine di cipolla. Fatele rosolare la cipolla per 5 minuti. Intanto con una schiumarola prelevate 5-6 fettine di carciofo dalla ciotola in cui li avevate messe a bagno e mettetele da parte perchè serviranno per la guarnizione. Quindi scolate le fettine di carciofo della ciotola con un colino a maglie strette e poi aggiungetele il padella. Salate a piacere e fate cuocere per 20 minuti a fuoco basso aggiungendo un paio di mestoli di brodo vegetale per favorire la cottura ( per preparare il brodo vegetale potete consultare il procedimento qui). Quando i carciofi saranno cotti, trasferiteli in una ciotola dai bordi alti. Quindi prendete il minipimer e frullate le fettine di carciofofino ad ottenere una crema corposa e omogenea. Tenete il composto ottenuto da parte. Proseguite la ricetta, preparando la pancetta e il riso: prendete la mezza cipolla rimasta, togliete lo strato più esterno e tritatela con un coltello o una mezzaluna. In una padella capiente versate un filo d'olio e aggiungete la mezza cipolla tritata. Aggiungete un mestolo di brodo vegetale per insaporire ed evitare che la cipolla si bruci e fate cuocere per 5 minuti. Mentre la cipolla soffrigge, prendete le fettine di pancetta, riducetene 80 gr a striscioline di 1cm di larghezza; tagliate i restanti 10 gr di fettine di pancetta a quadrati. Avrete così pronta sia la pancetta da utilizzare per la cottura che quella per la guarnizione. Versate ora le striscioline di pancetta nella padella in cui avete soffritto la cipolla tritata e fate cuocere per 5 minuti a fuoco vivace. Quando la pancetta sarà dorata, abbassate la fiamma e aggiungete il riso in padella, mescolando gli ingredienti.Lasciate tostare il risocon la pancetta per un paio di minuti, poi versate l'amaro in padella. Allungate il risotto con un mestolo di brodo vegetale e mescolate con un cucchiaio di legno per amalgamare gli ingredienti. Fate cuocere il riso per 20 minuti, aggiungendo a mano a mano del brodo vegetale per favorire la cottura. A metà cottura del riso, riprendete la crema ai carciofi che avevate preparato e aggiungetela nella padella con il risotto. Mescolate accuratamente gli ingredienti, quindi aggiungete il burro per mantecare il risotto. Continuate a mescolare e aggiungete anche il Parmigiano per terminare la mantecatura. Mescolate bene gli ingredienti e abbassate il fuoco al minimo. Lasciate da parte per un momento il risotto e dedicatevi a far saltare per pochi secondi in due padelline diverse le fettine di carciofo e di pancetta che avevate tenuto da parte per la guarnizione. Fate dorare le fettine di carciofo e di pancetta da entrambe i lati. Aggiungete quindi al risotto le fettine di carciofo e i quadratini di pancetta saltati. Mescolate, spegnete il fuoco e il vostro risotto alla crema di carciofi e pancetta croccante sarà pronto per essere servito ben caldo!
Conservazione
Potete conservare il risotto con crema di carciofi e pancetta croccante in frigorifero per massimo 1 giorno, coperto con pellicola trasparente. Si sconsiglia la congelazione.
Consiglio
Potete sostituire il parmigiano con del formaggio di fossa o del pecorino per un gusto più deciso. Potete arricchire il risotto aggiungendo della provola filante. Per aggiungere una nota speziata al risotto potete usare della noce moscata.
http://ricette.giallozafferano.it/Risotto-alla-crema-di-carciofi-e-pancetta-croccante.html

RICETTE:

RICETTE DA MARZIA RIVA
- La Taverna degli Arna
Bocconcini di soia ai carciofi
Qualche giorno fa un'amica che mi segue su Facebook mi ha chiesto consiglio su come preparare i bocconcini di soia disidratata. Io ho scoperto questa preparazione da poco per cercare di variare il più possibile l'assunzione di proteine. Sono ancora in fase di sperimentazione, per rendere gustoso questo tipo di alimento. Ho preso spunto dai consigli che ho e,argito, testati personalmente finora, per preparare questo piatto, utilizzando i carciofi freschi ricevuti da Bioexpress. Mi capita, certe sere, che incastrare gli impegni quotidiani con l'organizzazione di una cena con tre portate diverse diventa un'impresa impossibile. E così questa volta ho preparato un piatto che andasse bene a tutta la famiglia.
I carciofi, aromatizzati alla menta e con qualche foglia di aglio orsino, insaporiscono i bocconcini di soia delicatamente. L'esperimento e' stato un successo e tutti hanno apprezzato.
Ingredienti per 3 persone:
100 gr di soia disidratata
2 - 3 carciofi
mezzo litro di brodo vegetale
qualche foglia di aglio orsino
una manciata di foglie di menta
un quarto di bicchiere di vino bianco
olio evo, sale e pepe
Procedimento:
Pulire i carciofi e dividerli in spicchi. Cuocerli al vapore finché diventano teneri.
Scaldare il brodo vegetale e quando raggiunge l'ebollizione versare la soia disidratata lasciandola cuocere per circa 15 minuti.
Scolarla e strizzarla. Tenere da parte un po' di brodo di cottura.
In una padella versare un filo d'olio e scaldare, aggiungere i carciofi e farli abbrustolire. Aggiungere i bocconcini di soia, la menta e l'aglio orsino. Sfumare con il vino bianco e far saltare il tutto. Aggiungere poco brodo per evitare di far attaccare il contenuto alla padella e cuocere per 10 minuti al massimo. Aggiustare di sale e pepe e servire.

RICETTE DI RENATA BARUFFI -
Storie di Cibo di Vino
e autrice di “Cucina Mediterranea. La Storia nel Piatto” (ebook e brossura)
BOCCONCINI DI TACCHINO ALLE VERDURE PRIMAVERILI
Ingredienti per 6 persone: 400gr di fesa di tacchino, 100gr di pancetta affumicata
tagliata a dadini, ½kg di piccoli carciofi, 1 limone, 1 o 2 mazzetti di cipollotti o
400gr di cipolline novelle , 12 patate novelle o circa 300gr di patate gialle tagliate
a tocchetti, 3 cucchiai di olio d'oliva, 20gr di burro, 1 mazzetto di menta, Sale e
pepe.
Tagliate la fesa di tacchino a pezzetti della grandezza di un boccone.
Mettete in una casseruola i dadini di pancetta, copriteli con acqua fredda e portate
ad ebollizione per 1 minuto. Scolate.
Pulite bene i carciofi, togliendo le parti che non sono in buono stato e le foglie
esterne. Mano a mano che li pulite, tagliateli a spicchi e metteteli in una ciotola
con acqua e limone perché non scuriscano.
Pulite anche i cipollotti
Scaldate l'olio in una padella, aggiungete le patate e, velocemente, fatele
abbrustolire da tutti i lati. Ora unite il tacchino, che a sua volta andrà rapidamente
scottato, ed i dadini di pancetta sbollentati. Ognivolta che aggiungete un nuovo
ingrediente, portate verso la parte più esterna della padella gli altri e mettete il
nuovo ingredienti nel centro della padella, eventualmente con altro l’olio se fosse
necessario.
Unite ora gli spicchi di carciofi ed infine i cipollotti.
Aggiustate di sale e di pepe e bagnate con poca acqua. Portate ad ebollizione,
abbassate la fiamma e cuocete scoperto fino a completa evaporazione dell'acqua.
In ultimo, mettete nel tegame anche il burro.
In totale ci vorranno circa 30 minuti.
Cospargete di foglioline fresche di mentuccia primadi servire.


TORTA DI BIEDA E CARCIOFI

1 kg di bieda, 6 carciofi, 1 cipolla, mollica di pane, 100 gr di parmigiano grattugiato, poco latte, olio di oliva , maggiorana, sale e pepe, farina bianca gr 500, acqua fredda.
Pulire la bieda, lessarle nella poca acqua rimasta dal loro lavaggio, strizzarle e tritarle. Pulire i carciofi, affettarli sottili e passarli in padella con olio e cipolla, quando saranno appassiti unire la bieda e continuare la cottura. A cottura ultimata unire il parmigiano, un po’ di mollica di pane bagnata nel latte e strizzata, 2 cucchiai di olio, maggiorana, olio e sale, mescolare bene. A parte preparare la pasta lavorando la farina con sale, 40 gr di olio di oliva e 1 quarto di litro di acqua fredda. Ungere una tortiera , quindi stendere un disco di pasta abbastanza sottile e largo in modo da ricoprire tutta la teglia, versare sulla pasta tutto il ripieno preparato, livellarlo bene sino ad ottenere uno spessore di circa 2 cm. Ricoprire con un secondo disco di pasta unendo le paste ai bordi. Ungere di olio la superficie della torta,, bucherellare la pasta con una forchetta e infornare a calore non troppo elevato lasciandola cuocere bene.
Ricette da Paola - Casale dei Pozzi

Ricette di Renata Baruffi -
Storie di Cibo di Vino
e autrice di “Cucina Mediterranea. La Storia nel Piatto” (ebook e brossura)
VALDOSTANA
Ingredienti:
3 Carciofi, 2 Porri, Una scatola di Piselli grossettini o una quantità
corrispondente di piselli surgelati, Olio di Oliva,Vino rosso, Sale e Pepe.
Pulite bene i carciofi accorciandoli, eliminando lefoglie esterne, ogni parte dura e
la lanugine centrale e poi tagliateli a spicchi nontroppo grossi che metterete in
attesa nell'acqua acidulata con limone perché non diventino scuri. Pulite i porri,
eliminando tutta la parte verde che riserverete peraltre preparazioni e tagliateli a
tocchetti di circa 1,5 centimetri.
Infine preparate i piselli.
In un tegame piuttosto largo rosolate a fuoco vivo per circa 5 minuti i porri e i
carciofi con l'olio di oliva. Aggiungete i piselli e continuate la cottura lentamente a
tegame semicoperto per mezz'ora (Se, data la stagione, usate piselli surgelati
aspettate ad aggiungerli quando gli altri ingredienti sono quasi a cottura).
Sfumate con il vino rosso, salate e pepate e quindifinite la cottura al punto che
più gradite.

Secondo
CARCIOFI RIPIENI
Ingredienti: carciofi 6 grandi, pane raffermo 1/2 panino, pane grattuggiato qb, prezzemolo una manciata, spicchio d'aglio, olio evo, sale, pepe, limone
le dosi sono per 6 persone (1 carciofo a testa)
Prima di tutto metto il pane in ammollo in acqua e poi passo a tagliare il gambo ai carciofi, li spelo e li taglio a cubetti e li tuffo in acqua acidulata con il limone per non farli annerire. Poi pulisco i carciofi togliendogli le foglie più dure esterne e tagliando la punta e metto anche loro in acqua.
Preparo quindi la farcia tritando il prezzemolo e lo spicchio di aglio a cui poi unisco il pane strizzato dell'acqua, i gambi tagliati dei carciofi (quasi tutti), e condisco con olio sale e pepe. Alla fine aggiungo poco alla volta il pan grattato fino a quando il composto non risulta abbastanza compatto e "bricioloso"... il pan grattato sarà quello che farà fare la crosticina sopra i carciofi alla fine della cottura.
Terminato di preparare la farcia prendo i carciofi e ad uno ad uno infilo con delicatezza le dita dentro e li allargo per fare spazio al ripieno. li riempio schiacciando per benino.
Prendo una pentola in pyrex (copio la mia mamma che ha sempre usata questa!) e riempio il fondo con i gambetti che non ho usato nella farcia, e due dita di acqua e un goccio di olio e ci infilo tutti i carciofi ripieni. Mi raccomando devo proprio infilarli... ci devono andare strettini nella pentola altrimenti quando si cuociono si girano e addio!
Metto la pentola con il coperchio sul fuoco e faccio cuocere per 45". Terminata la cottura sul fuoco faccio fare la crosticina al ripieno infilando la pentola nel forno con il grill acceso al massimo per 10" circa o comunque fino a quando non vedo la crosticina.
Vanno serviti tiepidi con anche il liquidino di cottura se vi piace. Le foglie esterne saranno un pochino durette e forse non mangiabili tutte. Ma tolto il primo giro è tutto tenero!
http://www.traccedicibo.com/2009/05/i-carciofi-ripieni-della-mia-mamma.html

RICETTE:


Antipasto
Carciofi ripieni di ricotta
Carciofi ripieni di ricotta, un antipasto o un secondo sfizioso e stuzzicante. I carciofi vengono farciti con un composto a base di ricotta e poi fritti per pochi minuti in olio caldo. Per cuocere i carciofi ripieni di ricotta in modo perfetto consiglio di infilare uno stecchino, si eviterà che il ripieno si stacchi dal carciofo. Una ricetta semplice, economica che fa la sua bella figura
Ingredienti per 4 persone:
4/6 carciofi medi
200 g di ricotta
pangrattato q.b
2 cucchiai di formaggio grattugiato
1 uovo
1 limone
aglio
prezzemolo
sale pepe
olio per friggere
Procedimento:
Pulire i carciofi eliminando il gambo e le foglie più dure. Tagliare di netto le punte dei carciofi. Con le mani allargare le foglie, con un coltellino togliere il fieno e cercare di scavare per ottenere lo spazio da farcire.
Sistemarli man mano in acqua fredda acidulata con il succo di un limone.
In una ciotola lavorare la ricotta per renderla più omogenea, aggiungere l’aglio e il prezzemolo tritati finemente, l’uovo, il formaggio, un po’ di pangrattato, sale, pepe e mescolare tutti gli ingredienti. Regolare la quantità del pan grattato sino ad ottenere un composto compatto e morbido.
Scolare i carciofi, tamponarli con un canovaccio pulito per eliminare l’acqua in eccesso e farcirli con il composto. Infilare uno stecchino nel carciofo (vedi foto).
In un pentolino alto e stretto far scaldare l’olio per friggere e calare uno per volta i carciofi. Far cuocere sino a quando risulteranno dorati.
Adagiarli su carta cucina.
Sfilare lo stecchino e servire caldi.
http://www.ricercadiricette.it/click/index/782693/?site=blog.giallozafferano.it%2Floti64

SECONDO PIATTO
Seppioline ai carciofi
Ingredienti:
Aglio 2 spicchi, Brodo di pesce o vegetale 250 ml circa, Burro 30 gr, Carciofi 8, Olio extravergine d'oliva, Pepe macinato q.b., Pinoli 30 gr, Prezzemolo 1 ciuffo, Sale q.b., Scalogno 1, Seppie o seppioline già pulite 400 gr, Timo 4 rametti,Vino bianco 1 bicchiere
Preparazione:
Per preparare le seppioline coi carciofi cominciate sciacquando le seppioline sotto l’acqua fredda corrente e poi scolatele per bene. In una padella, mettete 2 cucchiai di olio e il burro, unite lo scalogno finemente tritato e lasciate appassire a fuoco basso per almeno 10 minuti o finchè lo scalogno non sarà diventato trasparente; unite i carciofi puliti (guarda come fare cliccando qui) e tagliati a fettine sottili . Lasciateli rosolare per qualche minuto, poi unite un mestolo di fumetto di pesce (o altro liquido caldo), salate e lasciate cuocere per 10 minuti, quindi spegnete il fuoco.
In un tegame capiente, mettete 4 cucchiai di olio e 2 spicchi di aglio (se successivamente volete eliminarlo, mettetelo intero) che farete dorare; unite le seppioline, fatele scottare per 10 minuti e poi unite il bicchiere di vino che lascerete sfumare.
Unite i carciofi alle seppioline, aggiungete del fumetto, amalgamate e coprite il tegame con un coperchio, lasciando cuocere a fuoco molto basso fino a che l
seppioline saranno tenere.
Cinque minuti prima di spegnere il fuoco, aggiungete il timo, il prezzemolo tritato e i pinoli. Aggiustate eventualmente di sale, pepate e spegnete il fuoco. Servite le seppioline con carciofi immediatamente.
http://ricette.giallozafferano.it/Seppioline-con-carciofi.html

Riso, bisi e Carciofi
-
Ingredienti: aglio, olio, sale, pepe, carciofi puliti e tagliati a spicchi
abbastanza piccoli, piselli,riso per minestre, brodo, pecorino grattugiato - Fate soffriggere l’aglio con l’olio e, se volete, poi toglietelo. Buttate i
carciofi, fate insaporire bene, poi i piselli (meglio quelli surgelati) salate, pepate, coprite di brodo e fate bollire per una decina di minuti. Buttate
il riso e portate a cottura. Aggiustate di sale e servite anche tiepido e bello denso con pecorino. - di Susanna Vitelli

Patate e carciofi al forno
- Ingredienti: 1 rametto di rosmarino, 1 spicchio d’aglio, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, timo, origano, sale fino, pepe, 500 g di patate, 3 carciofi, ½ limone - Lavare il rametto di rosmarino, asciugarlo con carta da cucina, separare le foglie e tritarle con una mezzaluna su un tagliere piuttosto finemente. Sbucciare lo spicchio d’aglio e tagliarlo a fette. In una capace terrina mettere l'olio ed un cucchiaino piccolo di rosmarino tritato, timo ed origano. Unire un pizzico di sale, una grattugiata di pepe e l’aglio. Lavare le patate sotto acqua corrente e pelarle. Man mano che sono pronte metterle in una ciotola piena d’acqua fredda. Lavare i carciofi, togliere le foglie dure più esterne fino ad ottenere i cuori formati solo da foglie chiare e tenere, tagliare le punte. Lasciare il gambo di 10 centimetri di lunghezza. Tagliare i carciofi a metà, eliminare il fieno (se presente) e spellare il gambo togliendo la parte esterna più coriacea con un pelapatate. Metterli in una terrina piena d’acqua acidulata con mezzo limone man mano che sono pronti, per evitare che anneriscano. Preriscaldare il forno a 200° C. Finito di preparare le verdure, scolarle, tamponarle con uno strofinaccio e metterle nella ciotola dell’olio aromatico. Mescolare accuratamente e riporre in una pirofila da forno di misura assieme a tutto il fondo d’olio della terrina. Cuocere nel forno caldo per 30-40 minuti circa. Se le patate tardassero a gratinare titare fuori i carciofi e metterle sotto il grill per qualche minuto.
http://www.lospicchiodaglio.it/index.php?sez=ricette&azione=scheda&elemento=186
bagnatelio bianco, un dl di brodo e due cucchiai di olio. Infine coprite con alluminio e cuocete in forno a 200° per circa 30 minuti. http://www.amando.it/ricette/verdure-legumi/carciofi-ripieni.html
Finocchi e Carciofi al forno
Ingredienti: 2 finocchi, 2 carciofi, 2 cucchiai di olio evo, il succo di 1 limone, sale, pepe, due cucchiai di pangrattato, due cucchiai di parmigiano reggiano - Lavate carciofi e finocchi, tagliateli sottilissimi e metteteli in una pirofila. Cospargeteli con l’olio, il sale, il pepe e il succo del limone. Cospargeteli di parmigiano e pangrattato e cuoceteli in forno caldo a 200° fino a quando non saranno cotti.
Lo sapevate che… I carciofi hanno un piccolo diffetto: si ossidano immediatamente prendendo quel brutto colore scuro che li rende così poco attraenti. Dopo averli puliti bene eliminando le foglie dure più esterne fino ad arrivare a quelle più tenere e chiare, tagliate la loro punta con un coltellino ben affilato ed il gambo che conserverete a parte (vi servirà per delle altre preparazioni). Tagliateli poi a metà, togliete l'eventuale barba con l'aiuto di uno scavino e conservateli fino al momento dell'uso in una ciotola con dell'acqua acidulata cioè resa acida da del succo di limone. Così facendo non si ossideranno. Solo per i carciofi lessi una piccola astuzia in più: fateli bollire in abbondante acqua salata in cui avete sciolto un cucchiaio di farina. Mangerete così dei carciofi che hanno conservato il loro bel colore verde brillante. www.mangiarebene.com

Nidi con prosciutto croccante e Carciofi
- Ingredienti per 4 persone: 280 g di spaghettini, 100 g di prosciutto crudo a fette, 2 carciofi, mezzo cucchiaio di prezzemolo, mezzo bicchiere di vino bianco, uno spicchio d’aglio, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale e pepe - Tritare metà del prosciutto, pulire i carciofi e affettarli. Fare appassire in un cucchiaio d’olio l’aglio, i carciofi, il prosciutto tritato con sale e pepe; sfumare con il vino, lasciare asciugare un po’ e unire il prezzemolo. Tenere da parte metà dei carciofi e tritare l’altra rimettendola nel sugo. Rosolare le fette di prosciutto intere in una padellina con un cucchiaio di olio e trasferirle in quattro coppapasta sistemati al centro dei piatti. Cuocere gli spaghettini, scolarli e condirli con il sugo di carciofi; suddividerli all’interno dei coppapasta foderati di prosciutto, lasciare riposare qualche istante, poi sfilare i coppapasta e completare con i carciofi a fettine. www.piatti-piu-in-la.com

Insalata della fortuna (per vegetariani e non)
- Ingredienti: 3 carciofi tagliati sottili, sottili (un po’ una rottura da fare..) insalata songino 2 etti , mezzo melograno (se non e’ stagione, si trova anche surgelata, altrimenti potete sostituire con del ribes) ½ petto di pollo arrostito tagliato a striscioline o, se siete vegetariani, scaglie di ricotta salata. Per condirla: olio, sale, pepe, limone spremuto, un cucchiaio di senape rustica (quella con i granini). Dispongo bene gli ingredienti nell’insalatiera cosi’: songino sotto, poi carciofi, poi melograno e in ultimo pollo o ricotta, a seconda dei gusti. Preparo la salsina con gli ingredienti richiesti e condisco qualche minuto prima di servire. – di Susanna Vitelli